lunedì 26 dicembre 2016

LETTURE: Amabili resti di Alice Sebold #77

Ciao a tutti!!
Intanto vi auguro un Buon Natale in ritardo, scusatemi ma in questi giorni non ho avuto assolutamente tempo per il mio blog...ho una serie infinita di post da fare, ma ce la farò 😉 intanto inizio con la recensione di questo libro:



Sinossi:
Susie è stata assassinata da un serial killer che abita a due passi da casa. È stata adescata da quest'uomo dall'aria perbene, che la stupra, poi fa a pezzi il cadavere e nasconde i resti in cantina. Il racconto è affidato alla voce di Susie, che dopo la morte narra dal suo cielo la vicenda con inedito effetto straniante. Il libro procede avvincente come un giallo: vogliamo sapere chi l'ha uccisa, cosa fa l'assassino, come avanzano le indagini, come reagisce la famiglia. Ed è Susie che ci racconta tutto questo, aumentando così la nostra partecipazione emotiva. Lei "fa il tifo" per suo padre quando, opponendosi alla svolta che hanno prese le indagini della polizia, capisce chi è il vero assassino e, pur non avendo le prove, cerca d'incastrarlo. Un romanzo che commuove senza mai indulgere a sentimentalismi. Le vite dei genitori, dei fratelli e degli amici di Susie, spezzate dalla sua tragica scomparsa, vengono raccontate con lo spirito allegro e senza compromessi dell'adolescenza. E Susie aiuterà tutti, i lettori per primi, a riconciliarsi con il dolore del mondo.

Recensione:
Nel primo giro di ruota della challenge La ruota delle Letture ero capitata sullo spicchio BANNER LA LIBRIDINOSA e quindi Laura mi ha assegnato un libro che a lei era piaciuto molto, sinceramente leggendo la sinossi non era molto nelle mie corde, ma queste challenge servono per ampliare i nostri orizzonti (giusto!?!?!?) e quindi ho deciso di provare a leggerlo...inoltre questo libro su goodreads è classificato come Young Adult e quindi ne ho approfittato per partecipare anche a The Goose Reader Challenge.
Prima che mi fosse assegnato questo titolo non lo conoscevo...confesso la mia ignoranza...anche perché informandomi su internet ho visto che è stato fatto anche un film...ad essere sincera questo libro mi ha messo addosso tantissima tristezza...ognuno di noi pensa che queste cose (che una ragazzina di 14 anni venga stuprata e poi uccisa e fatta a pezzi) succedano solo agli altri, come effettivamente pensavano i genitori di Susie, e un'avvenimento come quello della perdita di un figlio ti segna nel profondo, ti cambia la vita...se di vita si tratta quella che rimane...
Questo è un libro particolare, perché il racconto è fatto in prima persona da Susie, dal paradiso o meglio dal suo cielo, è lei stessa che racconta cosa le è successo nel dicembre del 1973, come il signor Harvey l'abbia attirata in un rifugio sotterraneo in mezzo al campo di granoturco e qui abbia approfittato di lei e in seguito fatta a pezzi, per essere nascosta in una cassaforte e lasciata alla discarica...Susie però non si limita a raccontare del suo omicidio, segue la sua famiglia, le persone alle quali ha voluto bene e anche il suo assassino negli anni, continua a seguirli, amarli e sentirne immensamente la mancanza...
I personaggi sono ben delineati, e ti sembra di percepire il loro dolore quasi fisicamente, io ho rivissuto il loro dolore e ho pianto insieme a loro...la loro vita è continuata (come è giusto che sia!), ma la perdita di Susie li ha cambiati, ha modificato il loro rapportarsi con la vita e con le altre persone...
Ogni persona reagisce in modo diverso al proprio dolore, il padre di Susie non si da pace perché sa chi è il colpevole, ma nessuno gli crede e continua ad essere legato al ricordo della figlia, invece la moglie reagisce in modo completamente diverso, quasi con negazione, arrivando addirittura ad andarsene di casa, per cambiare completamente vita...
La sorella Lindsay è forse colei che fa più fatica, perché ancora una ragazzina e da tutti viene additata come la sorella della ragazza uccisa...e inizia a tenersi tutto dentro, si costruisce quasi un muro interiore...e Buckley è ancora un bambino nel momento della disgrazia, un bimbo che cerca la sorella e che diventa grande tutto all'improvviso per cercare di arginare il dolore dei genitori, soprattutto del padre...
Sinceramente ho fatto un po' fatica a leggere questo libro, non perché sia brutto, ma semplicemente perché per me questo è un periodo molto difficile...sono passati esattamente 15 anni da quando il mio papà ci ha lasciati...e questo libro ha riportato in superficie un dolore che non cambia mai, viene semplicemente nascosto sotto la superficie della vita...e quindi capisco il dolore della famiglia di Susie...
Questo è un libro che regala moltissime emozioni, molto forti, toccante e coinvolgente, leggendolo vi troverete trasportati nei ricordi dei personaggi e nel cielo di Susie...forse in parte questo libro può aiutarci ad accettare la morte dei nostri cari, descrivendoci come loro ci seguano anche da morti...come non ci abbandonino mai...

La ruota delle Letture - Banner La Libridinosa
The goose reader challenge - Casella 26 LIBRERIA ARANCIONE - Young Adult

A presto!

Nessun commento:

Posta un commento