domenica 15 gennaio 2017

RECENSIONE: Il giardino segreto di Frances Hodgson Burnett #6


Pagine: 352
Editore: Giunti Junior
Data pubblicazione: 7 settembre 2011

SINOSSI:
Mary è cresciuta dalla sua bambinaia e dalla servitù indiana, diventando una ragazzina insensibile, scorbutica e solitaria. Quando, per un'epidemia di colera, muoiono entrambi i genitori e tutta la servitù, per Mary comincia una nuova vita presso lo zio. Nuovi amici e una sorpresa l'attendono sulla soglia di un segretissimo giardino.

RECENSIONE:
Questo libro è un classico per bambini, che finora non avevo mai avuto il piacere di leggere, e devo dire che ho apprezzato molto la lettura, nonostante sia un libro per i più piccoli, è ben strutturato e insegna sia a noi adulti sia ai più piccoli molte cose, molti buoni principi tra cui la forza di credere in se stessi, che è assolutamente importantissima, soprattutto nei bambini.
Questo libro è un insieme di buoni sentimenti: amicizia, speranza, rinascita, ma allo stesso tempo non è il classico libro sdolcinato che magari qualcuno (non io 😉) fa fatica a leggere!
I protagonisti dalla vita non hanno avuto tutto, o meglio sono estremamente viziati perché hanno avuto cose materiali, ma non hanno avuto la cosa più importante di tutte...l'amore di un genitore, che ti sta accanto e ti sprona a superare i tuoi limiti e le tue incertezze!
Mary Lennox è una bimba estremamente viziata, che però quando i genitori muoiono di colera, viene spedita in Inghilterra dallo zio, e qui si deve confrontare con una vita estremamente diversa alla quale era abituata, non è più la regina della casa a cui tutti devono obbedire, che può schiaffeggiare o insultare i "servi" a suo piacimento, non si trova più in India!
La cameriera la invita a passare del tempo all'aria aperta, che non può che giovarle al colorito giallognolo...qui incontra il giardiniere, scontroso e scorbutico, insieme al pettirosso, ma verrà a conoscenza anche di un segreto...un giardino segreto in cui nessuno è più entrato da 10 lunghi anni, ma i misteri non sono finiti...chi è che piange dentro la casa? Per Mary che è abituata a fare quello che le pare senza chiedere nulla a nessuno questi sono tutti misteri da svelare...
I personaggi sono caratterizzati molto bene, addirittura che qualche volta ti verrebbe da dare uno schiaffo sia a Mary che a Colin, per quanto sono altezzosi...per fortuna la vicinanza di Dikon e dei numero animali, li rende bambini più "normali"...
L'unico personaggio secondo me che risulta in secondo piano e che invece dovrebbe essere più incisivo nel racconto è Mr. Craven, viene spesso nominato, ma effettivamente nel racconto compare poco...
Questo libro oltre ad essere un inno ai valori importanti della vita, è un inno alla natura, addirittura tale che anche io con il mio pollice nero, per qualche minuto mi è venuto voglia di andare a mettere a posto il mio giardino...poi ci ho ripensato 😂, comunque a parte gli scherzi, le descrizioni sono talmente accurate e particolareggiate che ti sembra di essere nella brughiera, e a chi come me non ci è mai stato viene una gran voglia di visitare quei luoghi magici.
Farò sicuramente leggere questo libro anche ai miei bambini, può insegnare tante cose, soprattutto a loro, sul modo di rapportarsi con gli altri...

Con questa lettura partecipo a:
La ruota delle letture - OBIETTIVO 11 - Leggi un libro nella cui storia ci sia un giardino
Il giro del mondo in 80 libri - Leggi un libro che abbia nella copertina i colori verde-oro del Brasile
The goose reader challenge - CASELLA 46 - Leggi un libro da cui è stato tratto un film

A presto!

2 commenti:

  1. Anche io ho amato questo libro, in particolare le sue descrizioni della natura! Bellissimo davvero! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti! Nonostante sia classificato come libro da bambini, è meraviglioso anche per gli adulti!

      Elimina